Produrre contenuti: una strategia vincente

Nel film “L’uomo dei sogni”, il personaggio dell’agricoltore Ray Kinsella, interpretato da Kevin Costner, sente una voce insistente ripetergli “Se lo costruisci, lui tornerà”. contentParafrasando e traslando questa indimenticabile battuta alla realtà del web design, produrre contenuti utili creerà movimento intorno alla propria pagina.

Un esempio meno cinematografico: la dottoressa Sandra Lee è una dermatologa statunitense, ed era fino a un paio di anni fa abbastanza conosciuta da andare in tv nello stato della California, dove esercita. Il vero salto di qualità è arrivato quando ha iniziato a pubblicare su un canale YouTube i video con le procedure più comuni nel suo studio, come piccole operazioni chirurgiche, insieme a tutorial su come rimuovere brufoli, cisti o altre situazioni sgradevoli da un punto di vista estetico. In breve tempo ha attirato persone da ogni parte del mondo: tiene lezioni, ha aperto uno shop online, è intervistata da riviste generaliste e siti come Buzzfeed. Ha, in breve, intercettato un bisogno: quello di essere educati sulle malattie dell’organo più esteso del corpo umano.

Senza arrivare a cose così specifiche, chi ha una ditta o propone un servizio potrebbe approfittare di questo esempio per decidere non solo di usare il proprio sito come una vetrina, ma per creare contenuti utili. La creazione di una comunità interessata a certi tipi di argomenti porta traffico e potenziali clienti che si affezionano e tornano frequentemente a scegliere uno specialista piuttosto che un altro.

Proprio YouTube è la soluzione più logica: ormai si possono girare video di alta qualità anche solo con lo smartphone che si ha in tasca, e si potrebbe decidere di pubblicare sul proprio sito, a cadenza costante, dei filmati dove si spiegano procedure legate al proprio lavoro. Una riparazione, un “come si fa”, un trucco del mestiere… Questi creano interesse e movimento e, nel medio periodo, spettatori appassionati. A patto di essere chiari nell’esposizione, precisi, e magari simpatici, diventare “personaggi” è un ricasco che può tornare sempre utile!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *